– COSTITUZIONE
È costituita, l’associazione culturale denominata: “Associazione VINO ROSA ITALIANO”, con sede in Roma e con durata indeterminata. L’Associazione potrà istituire sedi secondarie operative in Italia e all’estero e non occorrerà la modifica dello statuto.

– SCOPO SOCIALE

L’Associazione “VINO ROSA ITALIANO’” non ha fini di lucro, essendo tutti i proventi destinati all’attività associativa, o e si propone di perseguire finalità di utilità sociale a favore degli associati e di terzi, attraverso i seguenti scopi:

Diffondere e migliorare, in ambito nazionale ed internazionale la conoscenza e la cultura del Vino Rosa Italiano di qualità.

Istituire gruppi di studio per lo sviluppo del Vino Rosa Italiano, con l’identificazione territoriale dei vari autoctoni italiani vinificati in Rosa, evidenziando, valorizzando e tutelando il patrimonio delle tradizioni legate all’enologia, alla gastronomia ed al territorio.

Sviluppare direttamente delle attività sia a livello nazionale che internazionale come: degustazioni, conferenze stampa, partecipazione a fiere, creazione di materiale promozionale, al fine di diffondere la conoscenza dei vini Rosa, delle caratteristiche e delle tecniche di produzione, mettendo in rilievo i vantaggi dei prodotti di qualità e il rispetto dell’ambiente.

Creare in ambito pubblico, relazioni, accordi anche con il coinvolgimento di associazioni locali, consorzi di tutela, comuni ed enti, per la valorizzazione del Vino Rosa Italiano.

Istituire concorsi, premi, selezioni al fine di mettere in risalto il Vino Rosa Italiano ed i suoi territori di espressione.

Ricercare finanziamenti e contributi ad ogni livello istituzionale per favorire il raggiungimento degli obiettivi sociali.

Creare siti web per la divulgazione della propria attività e dei soci, produrre brochure, articoli giornalistici, realizzazione guide, in collaborazione con produttori, operatori e la stampa specializzata del settore con esclusivo scopo divulgativo e non commerciale.

Per il perseguimento dei propri scopi, l’Associazione potrà inoltre aderire ad altri organismi di cui condivide finalità e metodi, collaborare con Enti Pubblici e Privati, promuovere iniziative per raccolte occasionali di fondi al fine di reperire risorse finanziarie finalizzate solo ed esclusivamente al raggiungimento dell’oggetto sociale.

Effettuare attività commerciali e produttive, accessorie e strumentali ai fini istituzionali, purché di carattere non prevalente, nel rispetto dei limiti dell’art. 6 D.Lgs 460/97, con la possibilità di stipulare protocolli di intesa, patrocini e sponsorizzazioni.

Pagina 1 di 2

– SOCI
Sono soci tutti coloro che partecipano alle attività sociali, previa iscrizione alla stessa. Tutti coloro che intendono far parte dell’Associazione dovranno redigere una domanda su apposito modulo.
Possono far parte dell’associazione, in qualità di soci le persone fisiche, persone giuridiche, titolari di partita IVA, fondazioni, Enti, comitati, consorzi, cooperative ed enti che ne facciano richiesta e ne accettino le finalità e lo Statuto, gli eventuali regolamenti, le attività e il metodo.
Fermo restando il principio di uguaglianza, l’Associazione è costituita dalle seguenti categorie di Soci, tutti soggetti alle norme statutarie e deontologiche:

  • Soci ordinari: sono coloro che partecipano alle iniziative dell’associazione e le sostengonomoralmente e finanziariamente con il versamento di quote annuali, la cui misura è determinata dalConsiglio Direttivo.
  • Soci onorari: sono coloro che, per chiara fama, capacità ed esperienza, elevano l’immagine e laqualità del vino e degli alimenti, e chi pur non operando in tale settore si è reso particolarmente meritevole per l’opera svolta a favore dell’associazione. I soci onorari sono nominati e revocati a insindacabile giudizio del Consiglio direttivo e non versano alcuna quota associativa.
  • Soci Fondatori: sono quelli che hanno costituito l’Associazione presenti nell’atto costitutivo allegato al presente Statuto. Questi membri costituiscono il primo Consiglio Direttivo. I Soci Fondatori hanno gli stessi diritti/doveri dei Soci OrdinariLa qualità di associato deve essere confermata con l’accettazione, che non potrà essere di carattere temporaneo, da parte del Consiglio Direttivo, della domanda di ammissione presentata dal richiedente e contenete in ogni caso la dichiarazione di conoscenza ed accettazione delle norme statutarie e regolamentari dell’Associazione e l’impegno a versare la quota associativa la cui misura viene annualmente stabilita dal Consiglio Direttivo.Tutti i Soci hanno diritto di partecipazione alle Assemblee sociali, oltre a frequentare le iniziative indette dal Consiglio direttivo.
    Qualora il Socio sia una persona giuridica o un Ente, può esercitare il diritto di voto tramite il suo legale rappresentante o persona dallo stesso espressamente all’uopo delegata.

I soci cessano di appartenere all’Associazione nei seguenti casi:

  • dimissione volontaria;
  • morosità protrattasi per oltre 2 mesi dalla scadenza del versamento richiesto della quota associativa;
  • radiazione deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio Direttivo, pronunciatacontro il socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori dell’Associazione, o che, con lasua condotta costituisca ostacolo al buon andamento del rapporto;
    Il provvedimento di radiazione assunto dal Consiglio Direttivo deve essere ratificato dall’Assemblea Ordinaria, rimane sospeso fino alla data di svolgimento dell’Assemblea. L’associato radiato non può essere più ammesso.Gli associati che abbiano cessato di appartenere all’Associazione a qualsiasi titolo non hanno alcun diritto sul suo patrimonio né possono pretendere le quote ed i contributi versati. La quota associativa non è collegata, in qualsiasi forma, alla titolarità di azioni o quote di natura patrimoniale e non è trasferibile a qualsiasi titolo e non potrà essere oggetto di rivalutazione.